Tabelle dinamiche excel per l’analisi dei dati aziendali. Come migliorare la fase analitica delle informazioni di business, dedicando più tempo all’analisi qualititativa.

Excel è uno strumento molto diffuso per analisti, controller, marketer e per tutti coloro che devono elaborare con elevata personalizzazione i dati aziendali. Nel corso di diversi nostri articoli, nel tempo abbiamo più volte sottolienato il ruolo fondamentale della fase di costruzione di un database ben strutturato e analizzabile con estrema semplicità attraverso i filtri. Tuttavia se si vuole andare oltre un simile approccio di analisi occorre introdurre il concetto di tabelle dinamiche excel.  Secondo la prassi comune, tra l’altro ben  descritta da Massimo Zucchini nel suo ebook intitolato “Excel: il caclolo tabellare“, solitamente un worksheet Excel viene suddiviso in un foglio di lavoro che contiene il database e uno o più fogli di calcolo che elaborano le informazioni contenute nel database stesso. Tali fogli di calcolo spesso istanziano tabelle che implementano l’algoritmo di elaborazione o più semplicemente estraggono informazioni interessanti e le aggregano in modo differente.

Ebbene una tabella si dice dinamica se “al variare degli aggiornamenti del database essa riporta sempre risultati congruenti e non necessita di nessuna modifica da parte dell’utente nelle formule, nei contenuti e nel formato”.

In altre parole: quando un database viene aggiornato, e solitamente l’aggiornamento impatta sulle dimensioni e non sui campi, la tabella di calcolo produrrà risultati sempre corretti senza nessuna modifica per quanto riguarda le formule implementate, la dimensione o il formato.

Due sono i principali scenari con i quali si ha spesso a che fare: tabelle dinamiche excel  nell’ordinamento degli elementi e tabelle dinamiche excel nella dimensione (o entrambe contemporaneamente).

 

Tabelle dinamiche excel nell’ordinamento

Questao approccio si basa sul presupposto di avere una tabella di Input alla quale collegare una tabella di output. Il funzionamento della tabella dinamica con ordinamento è spegiabile con il fatto che vengono ordinati gli gli elementi secondo un determinato criterio in maniera dinamica. L’output cambia in automatico al variare dei dati inseriti nel foglio di input. Per vedere un esempio si cnsiglia di leggere il libro  di Massimo Zucchini  intitolato “Excel: il caclolo tabellare Vol 1. nozioni fondamentali.

 

Tabelle dinamche excel nella dimensione

In questo caso, il modus operandi sarà quello di gestire dinamicamente la dimensione di una tabella di output in logica avanzata;  ad esempio se si varieranno eventuali righe, queste saranno aggiunte o cancellate automaticamente in dipendenza degli aggiornamenti della tabella di input. In questo caso occorrerà sfruttare funzioni come le seguenti:

GRANDE(), 

INDICE(),

CONFRONTA(), 

RIF.RIGA(),

SE.ERRORE(),

SCARTO().

 

Risorse per approfondire

Come detto per apprendere al meglio i concetti di tabelle dinamiche  vi suggeriamo la lettura dell’ebook “Excel: il calcolo tabellare – nozioni fondamentali” prevalentemente focalizzato su queste tematiche:

>  La gestione delle tabelle e l’automazione dei processi di calcolo

>  Le database queries, l’analisi dei dati e la presentazione dei  risultati

>  progettazione di dashboard e report

Tra l’altro l’ebook si presenta cone un ottimo infoprodotto molto interattivo e pratico, infatti oltre ad essere un ebook tradizionale presenta anche 28 video scaricabili per un totale di 6 ore di sessioni e 26 Excel worksheet di supporto ai video

 

Riosrse gratuite

Scarica anche 40 modelli gratuiti per il business facendo clic qui e 75 esempi in excel per il tuo business

 

Corsi on line

Excel e VBA: corso per imparare ad automatizzare i tuoi file excel con le macro e il visual basic

Analisi dei dati con le tabelle pivot excel