La swot analysis è uno strumento di pianificazione strategica. Questo prezioso tool è stato introdotto da Albert Humphrey tra negli anni 60.

 

Articolo dedicato alla swot analysis e al supporto strategico che può offrire a livello aziendale per eseguire un’analisi qualitativa del contesto sia interno che esterno all’azienda.

La swot analysis e la strategia aziendale

Una matrice swot serve per eseguire pianificazione strategica e per individuare i punti di forza e di debolezza nel contesto interno; le minacce e le opportunità nell’ambiente esterno all’azienda. Questo tipo di analisi può riguardare un ambito di tipo generale dell’azienda o più nello specifico un prodotto, una business unit o una gamma di servizi. L’analisi swot può anche essere utile durante la fase di acquisizione di nuovi subcontractors, nella fase di compilazione di un piano di marketing; nel caso di strategia di penetrazione in nuovi mercati.

Quando si parla di punto di forza e debolezza dell’azienda in genere si enfatizza su un giudizio o meglio un’analisi di tipo comparativa. Individuo questi punti e effettuo un’analisi di tipo comparativo con i miei concorrenti, che operano nella nostra medesima arena competitiva. In questo caso, spesso può essere utile rafforzare la swot analysis con una di benchmarking. Può anche essere interessante utilizzare la matrice swot durante la fase di compilazione dei building blocks del modello Canvas.

Startup e Business model Canvas

Le minacce e le opportunità, invece si rifanno al contesto esterno e sono relazionate alle condizioni interne.

Analisi Swot e rappresentazione matriciale

Secondo  Danilo Zatta, autore del libro “Management Strategico“, edito da Hoepli, la “dimensione del modello di analisi swot può essere meglio compreso attraverso al seguente matrice, che è la forma tipica di rappresentazione delle analisi di questo tipo”.

swot analysis

Immagine rielaborata da originale a pag 121 del libro Management Strategico“, edito da Hoepli

L’importanza di individuare un obiettivo

Quando si esegue una swot analysis è fondamentale stabilire l’obiettivo che si intende perseguire. Con tutta probabilità la finalità sarà molto più ampia e si collocherà nel processo di definizione di una strategia aziendale. Ad esempio, decido di lanciare un nuovo prodotto e verifico se questa situazione è fattibile: dall’ambiente esterno ad esempio deriva l’interessante opportunità relativa a un nuovo decreto legge che offre un bonus a chi acquisterà il prodotto Y. Il mio punto di forza di azienda è di essere molto reattiva nel cambiare il processo produttivo.

Pertanto come potete comprendere fare un’analisi dei punti di forza, debolezza, minacce e opportunità significa, come evidenziato da Danilo Zatta, procedere a:

punti di forza: caratteristiche dell’organizzazione utili nel raggiungere l’obiettivo;

debolezze: attributi dell’organizzazione, che ostacolano il proseguimento dell’obiettivo;

opportunità: condizioni esterne che sono utili per raggiungere l’obiettivo;

minacce: condizioni esterne, che possono ostacolare l’obiettivo.

Ricorda: Swot è l’acronimo di Strenghts, Weaknesses, Opportunities, Threats.

Le domande da porsi nella costruzione di una Swot

Quando si procede ad effettuare un’analisi swot, occorre ragionare in ottica strategica ed esplorativa. Ci troviamo nella situazione in cui vi possono essere diverse alternative strategiche adottabili. Per verificarle occorre, come suggerito da Zatta porsi le seguenti 4 domande:

1) Come possiamo usare ognuno dei punti di forza?

2) Come possiamo eliminare eventuali debolezze?

3) Come possiamo sfruttare ogni opportunità?

4) Come possiamo difenderci dalle minacce?

Adottare un simile approccio di curiosità e di interrogazione è molto utile per perseguire l’obiettivo che ci siamo prefissati. Stiamo effettuando una raccolta delle informazioni da aggregare e da analizzare. Queste informazioni possono arrivare da diverse fonti. In generale, possiamo tuttavia individuare tue categorie di dati raccolti: quelli provenienti dall’esterno e quelle che sono presenti nell’azienda.

Come evidenziato, le informazioni interne aiutano a far emergere i punti di forza e debolezza dell’azienda; quelle esterne, le opportunità e le minacce provenienti dall’ambiente esterno.

Come avrai ben compreso, la sowt analysis si colloca in un processo plurifase ben preciso:

  1. definisco gli obietti
  2. analizzo l’ambiente esterno ed interno (analisi swot)
  3. formulazione delle strategie
  4. attuazione piano di azione
  5. feed back e individuazione di interventi correttivi se necessari.

 

Gli errori da evitare nella swot analysis

Danilo Zatta evidenzia una serie di errori tipici da evitare nella fase di formulazione di un’analisi swot:

– non iniziare una analisi swot senza prima aver definito un obiettivo comune a tutti i partecipanti;

– fare attenzione a non confondere le opportunità esterne con i punti di forza interni all’azienda;

– non confondere l’analisi swot con la strategia vera e propria; quando fai l’analisi swot, tu stai cercando di individuare informazioni utili per definire la strategia e il piano di azioni;

– non limitare l’analisi a un’unica area o funzione aziendale; organizza sempre un team trasversale o multi divisionale. Crea un team di lavoro ben assortito, attingendo dalla produzione, marketing, vendite, finance.

Conclusioni

In questo articolo, abbiamo evidenziato come lo strumento della swot analysis sia rilevante ai fini di una pianificazione strategica. Occorre sempre avere in testa l’obiettivo da raggiungere, prima di analizzare i fattori interni ed esterni. L’analisi deve essere condotta con spirito critico e non si deve limitare a un semplice esercizio di elencazione di liste. Occorre andare ben oltre e avere chiare le finalità da perseguire. Crea un team cross – funzionale per alimentare lo spirito critico e multiplo.