Social selling: che cos’è e come funziona. Analisi degli step fondamentali e degli strumenti da adottare per definire strategie aziendali efficaci.

Social selling e strategie di marketing. Usare i social media con l’obiettivo di trovare nuovi clienti e di coinvolgerli vuol dire mettere in pratica il cosiddetto social selling: si tratta di un’attività attraverso la quale i venditori offrono valore non solo fornendo e condividendo contenuti, ma anche rispondendo a dubbi e quesiti degli utenti, in modo tale che i potenziali clienti possano essere accompagnati in un iter che va dall’awareness all’acquisto finale.

Perché usare i social media?

Tra le tante ragioni che inducono ad adoperare i social media per arrivare a clienti nuovi, meritano di essere sottolineate le dinamiche relazionali ed educative che caratterizzano questo tipo di attività. Tramite i social network, infatti, si ha la possibilità di fidelizzare i clienti facendo upselling e crosselling, mettendo a disposizione dei servizi esclusivi o garantendo un’assistenza post vendita completa. Ancora, è possibile dare vita a una community di clienti, fornire consigli relativi ai servizi e ai prodotti che vengono venduti e, magari, sfruttare la collaborazione degli utenti per ideare delle proposte nuove.

Le fasi del social selling

Sono cinque i passaggi fondamentali in cui si può articolare il social selling: prima di tutto è indispensabile conoscere il servizio o il prodotto che si è intenzionati a vendere; dopodiché ci si deve preoccupare di conoscere anche il target a cui ci si vuole rivolgere; quindi è importante scegliere le piattaforme più in linea con le proprie esigenze; infine, bisogna produrre contenuti utili e, in conclusione, costruire relazioni che si fondino su uno spirito costruttivo e sullo scambio, ma anche sulla stima e sulla fiducia. La scelta delle piattaforme riveste un ruolo molto importante: essa deve essere effettuata non solo in funzione del tipo di servizio o di prodotto (e così, per esempio, per il B2B si opterà per Linkedin, per il food si opterà per Instagram, e così via), ma anche in base al tipo di pubblico, tenendo conto della necessità di essere presenti in contesti e in ambienti frequentati dal target di riferimento.

 

Come si creano dei contenuti validi

La creazione dei contenuti è indispensabile per l’efficacia del social selling: si tratta di prendere in considerazione le necessità del target e, di conseguenza, operare per soddisfarle. Per la pubblicazione dei contenuti potrebbe essere utile pianificare un calendario editoriale, ma anche sfruttare il più possibile la multimedialità: ciò significa non limitarsi ai semplici post scritti, ma ricorrere anche alle infografiche, ai video, agli audio, scegliendo l’una o l’altra soluzione in base alla piattaforma. In effetti, per ognuna di esse devono essere ideati e realizzati dei materiali ad hoc, specifici e originali, sempre partendo dal presupposto che occorre interagire in tempo reale e far percepire in qualsiasi momento la propria presenza.

 

I consigli da tenere a mente

Tra le armi a disposizione per un social selling efficace c’è lo storytelling, che deve essere utilizzato per creare modelli d’azione che siano in grado di suscitare emozione e identificazione. L’organizzazione di iniziative di vario tipo, come per esempio i contest, è un’altra opportunità da tenere in considerazione: anche in questo caso l’obiettivo deve essere quello di emozionare, coinvolgere e, al tempo stesso, invitare gli utenti all’azione. In base alla fase di acquisto del target i contenuti vanno differenziati: si può pensare, tra l’altro, di introdurre delle testimonianze originali fornite dai clienti, ma anche di incorporare una call to action ben precisa, che non lasci spazio a dubbi o interpretazioni su cosa bisogna fare.

Vorresti approfondire?

Chi fosse interessato ad approfondire tutte queste tematiche può cogliere l’occasione di partecipare, il 15 marzo 2017, all’evento “Come vendere prodotti e servizi tramite Blog e Social Network”, in programma a partire dalle 20.30 a Senigallia, in provincia di Ancona: l’ingresso è gratuito e aperto a tutti.

Relatori:
Anna Fata, Web Content Editor & Personal Branding Specialist, Coach & Psicologa,
Francesco Vernelli, Esperto in comunicazione Web marketing, social media
Massimo Chioni, consulente web marketing, Seo specialist