Stai pensando di intraprendere una carriera nelle risorse umane o vorresti seguire un master risorse umane, ma prima sei curioso di scoprire quanto guadagna questa figura in Italia? Secondo una ricerca di brokeraggio e consulenza internazionale Willis Tower Watson ha preso in esame 500 aziende italiane di varie dimensioni e ha stimato qual è la paga media di un HR manager in Italia.

Per le aziende di grandi dimensioni la paga è di 500 mila euro, mentre per quelle di medie dimensioni la paga di questo professionista è pari a 260 mila euro, infine questa si riduce per i professionisti che operano in piccole imprese con 160 mila euro all’anno.

Ma cosa fa esattamente un HR Manager e come intraprendere questa professione?

 

Cosa fa un HR manager

Cosa fa un HR Manager? Un manager per le risorse umane è una delle professioni più richieste ultimamente nel mercato italiano. Questa figura è per la precisione un professionista che si occupa delle risorse umane, quindi svolge tutte quelle mansioni che prevedono: un complesso adeguato ad eventuali benefit, procede a sorvegliare la sicurezza sul luogo di lavoro, gestisce i colloqui e le assunzioni, valuta i candidati e poi intercede con i sindacati.

I manager HR sono molto importanti per un’azienda che vuole avere un personale professionale e al contempo sorvegliato e gestito in modo ottimale. Un manager HR infatti, oltre ad occuparsi delle assunzioni e colui che gestisce il personale, supervisiona anche la formazione dei collaboratori aziendali, aggiornano sempre i dipendenti sui loro diritti come le pari opportunità, controlla che non si verifichino problemi come il mobbing o molestie sul lavoro, e organizza corsi in tal senso.

 

Come diventare HR Manager

Dato che questa professione è sempre più richiesta nel mondo del lavoro, anche nel campo della formazione oggi sono presenti corsi di specializzazione e di laurea che permettono di diventare un Manager HR. Per intraprendere questa professione, la prima cosa da fare è conseguire una laurea triennale o specialistica in materie come il business administration, amministrazione e controllo, gestione delle risorse umane, e titoli affini a questi.

Oltre alla laurea le aziende non sono solo alla ricerca di professionisti che abbiano una laurea idonea a svolgere questa professione, ma è necessario procedere anche a seguire master e scuole di specializzazione inerenti al settore delle risorse umane.

I master in risorse umane sono presenti in vari atenei in Italia ed è necessario avere i giusti requisiti per accedervi. Trovare un master nelle vicinanze della propria residenza però non potrebbe essere così semplice.

Per chi vuole conseguire questa specializzazione però ci sono anche soluzioni alternative ossia le università telematiche. Tra le università telematiche riconosciute dal Miur che presentano il master in risorse umane c’è UniCusano che presenta un programma di studio approfondito che mira a dare la formazione necessaria a coloro che vogliono diventare HR Manager.

Infine, per tutti coloro che vogliono intraprendere questa professione, diventare HR manager prevede anche delle skill che esulano dallo studio come una grande capacità nei rapporti interpersonali, capacità organizzative, doti oratorie e decision making.