Il mondo della finanza appare sempre più vasto e veloce, tant’è che per chi è digiuno della materia potrebbe risultare difficile da comprendere. Oggi proveremo ad aiutarti a capire qualcosa in più su un argomento che desta sempre un certo interesse, ovvero quello sui prestiti personali.

Piccole somme di denaro

Il punto è che per poter realizzare un piccolo sogno o desiderio o per far fronte a una momentanea emergenza potrebbe occorrere del denaro di cui non disponiamo. In questi casi si ricorre al prestito personale, un tipo di finanziamento generalmente non finalizzato di cui oggi ti spiegheremo tutto quello che c’è da sapere. Se sei arrivato in questa guida sicuramente ti interesserà capire meglio l’argomento a partire dalle offerte più convenienti. È per questo che ci soffermeremo ad analizzare cosa sono le promozioni sui prestiti personali e quando sono realmente convenienti.

Promozioni sui prestiti personali: tipologie

La prima cosa importante da capire è che questa tipologia di prestiti è caratterizzata da proposte molto differenti, che variano da ogni istituto di credito. Le promozioni possono essere periodiche, legate a qualche particolare momento storico/economico o destinate ad una specifica categoria di persone. Un esempio? I prestiti a cessione del quinto sono prestiti personali per dipendenti, ovvero per chi dispone di busta paga possibilmente a tempo indeterminato. A volte gli istituti propongono tassi vantaggiosi per un ristretto arco temporale per le cessioni del quinto e quindi significa che il tasso e le spese accessorie sono in promozione.

Come valutare una buona promozione sul prestito?

Il prestito personale è un finanziamento detto non finalizzato che si richiede per acquistare un bene o un servizio. Fa parte della categoria del credito al consumo e, quindi, viene concesso al consumatore finale e non a persone fisiche o giuridiche con finalità di impresa. Il contratto si conclude velocemente tra cliente e istituto dopo una valutazione sulla fattibilità del rimborso del prestito erogabile. Come qualsiasi tipologia di prestito quello personale si caratterizza di piano di ammortamento e condizioni economiche, ovvero l’offerta con cui vengono determinate quelle che nel gergo si chiamano onerosità.

Osserva le spese accessorie

Sono queste le spese che ti fanno capire se le promozioni sui prestiti personali siano convenienti o meno. Difatti si compongono di Tasso Annuo Nominale e Tasso Annuo Effettivo Globale: TAN e TAEG. Il primo valore indica il tasso di interesse annuo che verrà applicato dall’istituto sull’importo lordo erogato e si usa per determinare il piano di ammortamento. Il TAEG, invece, ti fa capire a quanto ammonta il tasso compressivo di tutti i costi del finanziamento e comprende le spese accessorie obbligatorie, quelle di incasso della rata e i premi assicurativi eventuali. Il tutto deve essere stimato al netto di bolli statali e tasse, che sono un’ulteriore voce di spesa.

Modalità di rimborso

Queste dipendono dall’ammontare della rata e dalle condizioni proposte dall’istituto. Di solito è sempre mensile ma non mancano i casi in cui questa è strutturata in pagamenti trimestrali o semestrali. L’importo può essere decrescente, crescente o costante ma più di frequente i piani di ammortamento sono strutturati alla francese, ovvero distribuiti su rate costanti con quota capitale crescente e quota interesse decrescente. Anche la modalità di rimborso può essere oggetto di promozioni per prestiti personali con offerte che riguardano l’importo massimo delle rate, i tempi di estinzione del debito e i vantaggi aggiuntivi offerti.