Pro e contro dell’investimento in diamanti. Perché investire in diamanti?

E’ questa la domanda che abbiamo posto a Idc London, gruppo di consulenti finanziari sugli inviestimenti in diamanti, in questo articolo riassumiamo la risposta.

L’investimento in diamanti può avere diversi motivi per essere preso in considerazione. Innanzitutto, la crisi economica che ancora pare non conclusa del tutto ha lasciato diversi strascichi, anche psicologici. È stato messo in discussione l’intero establishment della finanza fin dalle sue fondamenta.

 

Cosa è successo?

Il mattone, considerato da sempre un bene rifugio, un investimento sicuro, una certezza inamovibile in un mare di sciacalli della finanza e delle speculazioni, si è dimostrato per quello che è: uno strumento di speculazione nelle mani di istituti di credito senza scrupoli, che ha travolto non solo la finanza, ma l’intera economia reale di tutto il pianeta.

 

E ora?

Dopo aver visto istituti di credito e affini, dalle banche alle poste, tirare i remi in barca mettendo nei guai i correntisti e i risparmiatori, dopo aver assistito alle rivolte di piazza per le conseguenze della crisi e l’incapacità di gestirla perfino da parte dei governi delle “mature democrazie occidentali”, è giunto il momento di rivalutare la sicurezza del solido mattone, che così solido evidentemente non era. È in questo momento storico che le pietre preziose, in primis il diamante, tornano in auge, stimolando il mercato e i prezzi

 

Pro e contro dell’investimento in diamanti

L’investimento in diamanti, a differenza degli investimenti finanziari, non è protetto da autorità come la Consob, quindi è necessario essere un po’ più informati rispetto ai pro e ai contro che si possono incontrare quando si decide si investire in questo mercato.

 

I vantaggi dell’investimento in diamanti

Differenziazione del portafoglio di investimento – Per limitare i danni in caso di crisi o di altri alti e bassi economici, è sempre bene avere un portafoglio differenziato. Le crisi e i movimenti riguardano spesso, soprattutto all’inizio, un settore circoscritto: i sub-prime, le materie prime, il petrolio e via dicendo. Un portafoglio differenziato è il modo migliore per limitare efficacemente i danni già dal primo istante. Un portafoglio ben differenziato, inoltre, permette una buona elasticità e una resa più promettente rispetto ad un portafoglio monotematico. Infine, la differenziazione del portafoglio spinge il singolo investitore ad essere maggiormente informato sull’andamento del mercato finanziario e a diventare più oculato nelle scelte e più efficace nelle decisioni.

Il diamante è un bene fisico – Investire in un diamante significa acquistarlo ad un certo prezzo, portarlo a casa, rivenderlo quando si è soddisfatti dell’aumento di valore raggiunto. Il diamante è quindi più facile da rivendere anche in emergenza se si ha improvviso bisogno di liquidità. Le sue ridotte dimensioni e la facilità di trasposto lo rendono anche facilissimo da trasportare e nascondere.

 

Gli svantaggi dell’investimento

La complessità del mercato – La definizione del prezzo è nelle mani di “valutatori”, non di un ente centrale e ufficiale. Lo stesso diamante può ricevere 5 valutazioni diverse da 5 valutatori diversi. Per questo il prezzo è poco trasparente rischia di essere fatto lievitare ulteriormente dalle commissioni degli intermediari. A ciò va aggiunto anche un problema squisitamente temporale: poiché il prezzo dei diamanti si esprime in dollaro, gli investitori italiani devono anche fare i conti con il tasso di cambio e, possibilmente, acquistare con l’euro forte e vendere con l’euro debole.

Il grande movimento di ingenti somme attorno ai diamanti attira anche i malintenzionati, che possono rovinare un affare altrimenti ben ideato. Va prestata la massima attenzione al momento dell’acquisto (in particolare alla presenza di un certificato autentico che garantisca la qualità del diamante) e della vendita, affidandosi ad una controparte che abbia politiche di prezzo trasparenti e che tenga un comportamento professionale. Va fatta particolare attenzione al momento della vendita: mai agire di fretta, poiché il mercato può essere lentissimo a riassorbire i diamanti e non bisogna lasciarsi tentare da alternative torbide, solo perché possono apparire più convenienti e rapide.