I big data rappresentano un asset imprescindibile per le corporate. Il processo di definizione, attuazione e controllo di una strategia aziendale richiede l’analisi dei dati. Spesso le aziende operano su base dati depositate su diversi sistemi o file. Ciò implica un’iniziale fase di aggregazione di queste informazioni e una di data cleaning. In tal senso, Power Query Microsoft vi può essere di grande aiuto.

Power Query è un prezioso alleato per innescare il processo di aggregazione e sintesi dei dati. Consente di impostare meccanismi di autonomation.

La struttura di query personalizzate sarà infatti basata su aggiornamenti automatici, all’inserimento di nuovi dati nelle fonti sorgenti.

 

Power Query Microsoft aiuta le PMI nell’organizzare e sistemare i dati aziendali

Come potete capire un simile approccio può davvero rendere più rapida la raccolta dei dati da utilizzare per creare report di sintesi o dashboard aziendali.

Gli step da seguire sono pertanto semplici e intuitivi:

1) Identifico le fonti di dati necessarie

2) Carico questi dati in Power Query Microsoft

3) Procedo alla fase dei organizzazione e sintesi dei dati utilizzando le diverse funzioni disponibili attraverso i menu sezione Trasforma e Aggiungi colonna

4) Imposto eventuali automazioni di merge o accodamento di tabelle

5) Chiudo e carico la query creando una tabella dati o una connessione

6) procedo a sintetizzare i dati attraverso l’utilizzo ad esempio di tabelle pivot opportunamente combinati con grafici per dare maggior impatto visuale alle informazioni.

Power Query Microsoft

Possiamo quindi evidenziare come con 6 Sei semplici step, avremo la possibilità di organizzare al meglio i nostri dati e in modalità automatizzata

Ricorda: Quando periodicamente, verranno inseriti nuovi dati aziendali, basterà fare clic sul tasto aggiorna della query  e il nostro report o dashboard recepirà i cambiamenti.

 

Power Query Microsoft: quali vantaggi

Se dovessimo elencare i vantaggi che si ottengono dal suo utilizzo, in prima istanza, ci vengono in mente i seguenti:

– si evita la ripetitiva e fastidiosa operazione di copia e incolla valori o tabelle

– facilita gli accodamenti di tabelle e i matching riducendo l’uso di formule come cerca.vert o indice.confronta

– semplifica la normalizzazione dei dati o la loro personalizzazione senza dover ripetere queste operazioni in un secondo tempo

– possibilità di creare più query personalizzate e distinte a secondo dell’utilizzo dell’utente finale

– utilizzo solo le colonne e le informazioni di cui ho bisogno, eliminando tutte le colonne che non mi servono

– creo le basi dati ideali per i miei report

– inizio a entrare nell’ottica di lavorare per relazioni e matching tra più tabelle evitando la ridondanza delle informazioni attraverso identificazione di chiavi comuni.

 

Power Query Microsoft e risorse per approfondire

Un esempio di applicazione pratica per comprendere meglio il suo utilizzo e le sue peculiarità

Introduzione a Power Query

– Lo strumento per aggregare e organizzare i tuoi dati aziendali

– PowerQuery Excel e suo utilizzo per il data cleaning

Add in per importare dati provenienti da più fonti

Come fare la trasposizione delle tabelle con PowerQuery attraverso la funzione unpivot

 

Risorse aggiuntive

Power Bi il tool di Microsoft per creare i tuoi report dinamici

Query in access per definire e creare la base dei tuoi report aziendali

Power Pivot, Power Query, Power Bi: guida per principianti

 

Corso on line su Power Query

Se desideri imparare in pochi semplici step lo strumento Power Query e a comprendere le sue enormi potenzialità, ti suggeriamo di partecipare al corso on line dal titolo “Analisi dei dati con Power Query”, a cura di Massimo Zucchini.

Questo percorso di e-learning è molto pratico e ricco di esempi e vi permetterà fondamentalmente di raggiungere tre obiettivi:

1) Migliorare le competenze in ambito di Excel Automation seguendo un approccio orientato sulla rapidità e l’efficienza;

2) Evolvere il tuo modus operandi con lo strumento excel muovendosi verso logiche di aggregazione di tabelle dati provenienti da diverse fonti

3) Imparare rapidamente il modo di fare data cleaning e organizzazione di database e tabelle senza l’ausilio di formule complesse