La formazione è ancora al giorno d’oggi una delle maggiori eccellenze in Italia. L’offerta è sempre più vasta tra corsi universitari, scuole di specializzazione e percorsi formativi erogati a vario titolo. Tra questi ultimi, i più importanti risultano essere i Master.

Un Master è inteso come un percorso, generalmente post universitario, che avvicina al mondo del lavoro grazie ad un approccio più pratico e specifico alle materie trattate.

I master possono esseri erogati dalle Università (master di primo o secondo livello, a seconda che la laurea si triennale o magistrale), oppure da scuole o enti di formazione accreditati. In quest’ultimo caso si parla di master executive.

Chi fosse ricerca di un master a Bologna, Milano, Roma o in qualsiasi altra città d’Italia, farebbe meglio a fare un’accurata ricerca e informarsi bene. L’offerta formativa è sempre più vasta e specifica, per cui è necessario capire bene quali sono le proprie esigenze in relazione alle materie oggetto di studio.

Per prima cosa va individuata l’area tematica di interesse, dopodiché si passa a scandagliare nello specifico ogni singolo programma per cercare di ottenere un tipo di preparazione e di nozioni più affini alle proprie inclinazioni.

Solitamente i Master erogati dalle Università hanno un approccio di tipo maggiormente didattico: sono di fatto come un approfondimento del percorso universitario e vengono inseriti in quella rete di conoscenze prettamente universitarie seppur fortemente specialistiche. I master executive sono invece hanno una struttura più simile a dei corsi di formazione altamente specialistici, in cui i formatori spesso e volentieri sono dei professionisti del proprio settore.

 

Master il livello più alto di specializzazione

Le tecniche di studio utilizzate nei Master

Sia nei master universitari che in quelli in formula executive, vengono utilizzate delle tecniche diverse da quelle prettamente universitarie.

Viene premiato un approccio più “collettivo” alla materia: project work, case histories, simulazioni d’aula,  sono alla base di un lavoro che parte da un metodo individuale per poi confluire immediatamente verso un continuo confronto tra discenti.

Questo serve a sviluppare quelle competenze trasversali, le cosiddette “soft skills”, che sono importantissime per inserirsi in un mondo del lavoro sempre più competitivo.

 

Vengono rafforzati da un lato il concetto di team building e dall’altro quello di leadership, che sono necessari per capire e gestire le proprie responsabilità all’interno di un gruppo.

Si dice spesso che l’Università, per quanto valida e qualificata dal punto di vista formativo, ha un approccio ancora troppo teorico. Per questo in molti cercano di integrare una preparazione teorica completa con una più pratica offerta da un master.

Master MBA : il top nella gamma dei master

Finora abbiamo descritto cos’è un master, le modalità in cui viene erogato e qual è la differenza tra i master universitari  e quelli executive. Adesso passiamo a delineare il più alto livello tra i master in questione: il master MBA.

MBA è un acronimo che sta per Master of business administration, ed è volto a creare figure manageriali di alto profilo, anche a livello internazionale, nell’ambito economico/finanziario.

Si tratta di un master universitario di secondo livello, erogato dai migliori atenei nazionali e internazionali, che crea focus specifici su discipline come economia aziendale, marketing, business management e in generale tutto ciò che afferisce al lavoro di grandi aziende.

Lo scopo di questo tipo di percorso è creare figure altamente professionali che siano in grado sia di conoscere che di gestire tutti i complessi processi che vengono svolti all’interno di imprese di grande portata. Anche in questo caso lo sviluppo di competenze trasversali è fondamentale per unire l’aspetto teorico/pratico con quello organizzativo/gestionale.