Mentre si continua a discutere del nuovo modus operandi dell’infomrazione e dei nuovi canali rappresentati dai social network, ancora una volta nell’editoria tradizionale si rileva una situazione di crisi. E’ di oggi 4 Luglio 2009 un articolo di Claudio Plazzotta, pubblicata su ItaliaOggi , che parla di possibile taglio di 32 giornalisti nel comparto giornalistico del sole24ore.

Il contenimento dei costi diviene anche pe ril più famoso giornale economico d’Italia, un aspetto strategico molto importante e non da trascurare. C’è tuttavia il timre di uno stato di crisi , che potrebbe portare a prepensionamenti e cig.

I ricavi rispetto all’anno scorso sono in calo del 12%;in particolare i ricavi diffusionali sono calati del 28,5%, mentre quelli pubblicitari sono arretrati del 26,4%.

Già lo scorso aprile , ilsole24ore aveva evidenziato una prima strategia di riorganizzazione chiudendo le pubblicazioni di 24 Minuti, il quotiidano free press che era comparso verso la fine del 2006.

Il mondo dell’editoria davvero sembra soffrire e urge davvero rivedere il modello di business per creare nuove nicchie di mercato e mostrarsi meno scettici verso i nuovi strumenti del mondo internet.