La redazione di B2corporate si unisce agli applausi agli amici di  GreenMe per il premio “giovani e innovazione" targato MAE Award 2009 . Davvero bravi!

Il magazine on line  è stato premiato ad Ecomondo insieme ai più grandi operatori istituzionali del settore all’interno dell’unica iniziativa in Italia che promuove le buone pratiche della comunicazione e del marketing ambientale.

La motivazione di tale premio è dovuto  “Per aver saputo ideare un prodotto unico e innovativo, capace di dare risposte e approfondimenti a chi cerca notizie e servizi su temi sensibili sul web”.

Il premio è stato consegnato al termine del Forum “Marketing Ambientale ed Etico – Buone pratiche e nuove professionalità del marketing ambientale ed etico” che si è svolto venerdì 30 novembre a Rimini in occasione di Ecomondo,  la 13° Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo sostenibile che si è appena conclusa nella città romagnola.

Patrocinato dall’ Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica ed Istituzionale e GUS – Giornalisti Gruppo Uffici Stampa, il Forum ha voluto fare il punto sullo stato della comunicazione ambientale italiana e dare un riconoscimento a quelle realtà che si sono particolarmente distinte in questo settore.

Tra i tanti premi esistenti nel panorama nazionale e internazionale, infatti, il MAE award 2009, alla sua prima edizione, si pone come l’unica iniziativa in Italia che promuove un benchmarking sulle “buone pratiche” della comunicazione e del marketing ambientale, con particolare riferimento agli aspetti etici che tali tematiche affrontano.
Al magazine on line di lifestyle ecosostenibile lanciato a marzo e divenuto in soli sette mesi una voce importante del panorama “green italiano”, è stata riconosciuta l’innovazione del progetto e la sua capacità di parlare di ambiente in maniera originale e accessibile a tutti.

Con 80.000 utenti unici al mese, 200.000 pagine viste (fonte google analytics) e oltre 2.200 fan attivi su facebook, il sito è riuscito ad aggregare in pochissimo tempo un’ampia community di utenti sensibili a questo tipo di tematiche.

Tra gli altri riconoscimenti, quello assegnato nella categoria web al Minsitero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, alla società Enel per l’attività di comunicazione istituzionale, alle società di  progettazione Proger Spa e Dayco Europe, per l’alto contenuto tecnologico delle campagne di carattere ambientale realizzate e al Corpo forestale dello Stato per la realizzazione di mediatour mirati a dare visibilità alle azioni di tutela e conservazione della biodiversità nelle aree protette.  Inoltre due menzioni speciali sono andate anche alla Regione Puglia e all’ente Bacino Padova 2.

Nel forum di approfondimento che ha preceduto la consegna dei premi sono intervenuti, tra gli altri, Stefano Cazora, capo ufficio stampa del Corpo Forestale dello Stato, Gino Falleri, giornalista e presidente del Gus – Giornalisti Gruppo Uffici Stampa e Camillo Scoyni, capo ufficio stampa del ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Oltre che Simona Falasca, direttore Responsabile di greenMe.it la quale ha così commentato:
“Siamo onorati di ricevere questo riconoscimento, ricevuto all’interno di una cornice così prestigiosa, insieme alle più importanti realtà istituzionali della comunicazione ambientale italiana. A soli sette mesi dal lancio del nostro progetto, ricevere un premio così importante non poteva che riempirci di orgoglio e confermarci che stiamo andando nella giusta direzione: quella di riuscire a parlare efficacemente non solo agli ambientalisti più convinti, ma anche alle persone che cercano di avvicinarsi ai temi della sostenibilità da applicare nel quotidiano e che in greenMe.it hanno trovato un punto di riferimento importante dove reperire informazioni, conoscere marche e prodotti particolarmente rispettosi del pianeta, ma anche confrontare le esperienze e provare ad essere “green” a partire dai piccoli gesti di ogni giorno. A tutte loro e ai nostri preziosi collaboratori lo dedichiamo affinché sia il primo di una lunga serie”.