L’azienda statunitense Autodesk ha deciso che il 2016 sarà l’anno per entrare definitivamente nel futuro. Con il lancio del nuovo prodotto Forge, le applicazioni e i progetti potranno essere nativamente sviluppati nel cloud.

La nuova piattaforma è strutturata come offerta di servizi Paas (platform-as-a-service), che mette quindi a disposizione di progettisti e utenti interessati un ampio range di prodotti e funzionalità online sottoforma di api e sdk.

Il nuovo insieme di servizi proposto da Forge è un sistema studiato per coprire tutte le fasi della progettazione e dello sviluppo di un progetto: progettazione, visualizzazione, collaborazione, produzione fisica e operazioni finali.

Grazie a questa nuova piattaforma sarà inoltre molto più semplice il processo di condivisione dei dati e del lavoro tra più utenti o tra più gruppi di lavoro, sempre più indispensabile nel mondo del lavoro di oggi dove la delocalizzazione e il crowdsourcing sono all’ordine del giorno.

A garantire la solidità e affidabilità del servizio è il fatto che al momento Forge si appoggerà in parte, ai servizi di Amazon Web Services, che già numerosi ingegneri hanno avuto modo di utilizzare e apprezzare negli ultimi mesi.

Contestualmente al lancio della nuova piattaforma, Autodesk ha deciso di stanziare fondi per cento milioni di dollari destinati a sostenere e sviluppare i migliori progetti e le idee ritenute più valide che utilizzeranno direttamente o indirettamente Forge.

Il Forge Developer Program inoltre, sarà il programma specifico sviluppato da Autodesk dedicato alla formazione e l’assistenza agli utenti della nuova piattaforma.

Forge è destinato ad un pubblico di progettisti e sviluppatori di livello medio-avanzato, ma questo non deve spaventare chi sta pensando di intraprendere un percorso in questo campo.
Esistono infatti numerose opportunità e corsi sia gratuiti che a pagamento per imparare ad utilizzare i prodotti Autodesk: il più consigliato per iniziare è sicuramente un corso Autocad.

Da qui sarà poi semplice allargare le proprie competenze tramite l’utilizzo di altri software come 3ds Max, Inventor o Revit.