La fase di ripartenza delle PMI, richiede un’attenta strategia aziendale, è molto delicata e pertanto richiede un’attenta pianificazione flessibile e con continui aggiustamenti. In questo articolo passiamo in rassegna alcuni fattori chiave da considerare.

L’analisi di ripartenza delle PMI può riguardare diversi comparti aziendali e può comportare cambiamenti necessari a livello di processi, organizzazione e modello di business. Da una situazione di crisi e di fronte a un cigno nero come il covid19 è indispensabile osservare le dinamiche aziendali da più angoli.

Spesso possono nascere anche opportunità di business da cui trarre vantaggio competitivo.

Fase di ripartenza delle PMI: occhio a liquidità e vendite

In un simile contesto ancora incerto e con una fase di crisi economica molto forte, occorre porre attenzione alle dinamiche sociali. Prevedere cosa succederà è complesso: si potrà andare avanti diversi mesi in questa situazione di stallo e di convivenza con il virus. Ci potrebbe essere il tanto atteso vaccino, che spazzerebbe via paure e timori, riportandoci verso la via della normalità.

Scenari diversi, che gli imprenditori devono pianificare attentamente per la ripartenza delle PMI.

Vediamo su che cosa puntare:

– fare attenzione alla liquidità dell’azienda, facendo una costante previsione dei flussi di cassa in entrata e in uscita. Le condizioni contrattuali di vendita o acquisto potrebbero essere riviste. I clienti potrebbero pagare in ritardo. Analizzate il contesto in cui operate e fatevi tenere pronti per eventuali squilibri di cassa.

– tenere sotto controllo l’andamento delle offerte in corso e delle vendite. Questa analisi consente di monitorare la situazione del business e può aiutare a gestire meglio l’utilizzo delle risorse umane. Costruisci dei dashboard aziendali, che possano aiutarti a monitorare con semplicità i vari indicatori e le performance.

Gestione efficace e in sicurezza del personale

– In caso di una fase prevedibile di scarico di lavoro, abbassate il monte ferie del personale, adottando un approccio di rotazione.

– Organizzare gli spazi uffici in modo da rendere sicuro l’ambiente di lavoro. Definite un protocollo di sicurezza da seguire, in modo che il personale sia facilitato nel distanziamento sociale. Se vuoi suggerimenti su come organizzare gli spazi ufficio leggi l’articolo dedicato al rientro in ufficio per la fase di ripartenza delle PMI

– Ove possibile considerare lo smart working come un modello perseguibile e migliorabile nel tempo. Quello fatto fino ad ora non è un vero e proprio smart working ma un lavoro forzato da casa. Lo smart working è ben altra cosa e vuol dire:

  • scelta del luogo dove lavorare,
  • autonomia,
  • flessibilità dell’orario
  • obiettivi
  • lavorare per attività.

Fase di ripartenza delle PMI: review dei processi e puntare forte sulla digitalizzazione

– Rivedere i processi aziendali e cercare di renderli sempre più snelli possibili.

– La digital transformation ora deve entrare nel vostro dna. Se siete ancora scarichi in questo senso, occorre dare un cambio di marcia, alla vostra strategia. Occorre lavorare sempre più in logica collaborative e condivisa.

– Sostituite l’assenza di partecipazione a eventi e fiere con una strategia di content marketing. Trasformate la vostra azienda in una media company, che produce contenuti, che interessano al vostro target clienti.

– Organizzate webinar tematici per dialogare con i vostri clienti

– Definite delle strategie di promozione e sconti sui vostri prodotti in modo da innescare il fattore di competitività e di dinamicità del vostro brand sul mercato.

– Se hai già un ecommerce punta a farlo crescere e individua le migliori strategie per vendere online.

– Stringi partnership commerciali con altri brand in modo da creare un effetto sinergico finalizzato a creare valore aggiunto e nuovo opportunità di business.

– Sperimenta e individua nuove opportunità di business, studiando le dinamiche di mercato e anche quello che stanno facendo i tuoi principali concorrenti.

– Studia approfonditamente il decreto di rilancio e cerca di cogliere tutte le agevolazioni possibili.

– Punta ai prestiti a fondo perduto ove possibile.

Vincere la sfida

La fase di ripartenza delle PMI va vissuta con grande determinazione e la convinzione che si possa uscire da questa situazione imprevedibile. Occorre essere consapevoli delle difficoltà ma nello stesso tempo bisogna guardare avanti speranzosi e carichi di voglia di fare e di ripartire.