Excel tabellare e matriciale. Sai di cosa si tratta? Sfrutti le potenzialità dello strumento excel attraverso l’applicazione di funzioni complesse ma dall’enorme valore aggiunto?

Excel tabellare e matriciale: soluzioni dinamiche per creare report dinamici e modelli excel più qualitativi e a valore aggiunto per le tue analisi di business e management. Se ti interessa apprendere un approccio decisamente più dinamico e proattivo, questo articolo fa per te.

 

Excel tabellare e matriciale: conosci la differenza tra VTable e Htable?

Una tabella Excel non è altro che un insieme di dati organizzato per righe e colonne. Qualsiasi insieme di dati organizzati in questo modo può essere ritenuto una tabella, ma ci sono due distinte categorie di tabelle la cui struttura è necessario approfondire. Sono chiamate “Horizontal Table” (oppure HTable, o Tabelle a Sviluppo Orizzontale) e “Vertical Table” (oppure VTable, o Tabelle a Sviluppo Verticale).

La differenza tra i due modelli è solo strutturale: pur avendo lo stesso contenuto informativo, cioè rappresentando gli stessi dati, le HTable sono più comunicative rispetto alle VTable, le quali invece si prestano molto meglio ad essere elaborate da Excel.

Il nome VTable piuttosto che HTable risiede nel fatto che a seguito di successivi aggiornamenti della tabella stessa, il primo modello si estenderà in verticale, mentre il secondo in orizzontale.

 

Capire la differenza tra il formato verticale e orizzontale è fondamentale.
I database Excel solitamente sono rappresentati in forma VTable.

 

 

Le peculiarità delle Tabelle in formato HTable

Questo tipo di tabelle è quello che inconsciamente viene utilizzato dagli utenti meno esperti per rappresentare un certo insieme di dati, o da quelli che, più esperti, vogliono produrre un report il più comunicativo possibile come conseguenza di un’analisi preliminare.

Supponiamo di volere rappresentare in forma tabellare il valore delle fatture prodotte da alcuni venditori nell’arco dei mesi di gennaio e febbraio 2015. L’esempio sotto è quanto si potrebbe generare (Luca Verdi non ha fatturato nulla in febr-15).

Notare anche che alcune celle d’intestazione sono state accorpate.

 

htable

Questa è una tipica HTable. Infatti, supponendo di mantenere fisso il numero dei venditori e dovendo aggiornare la situazione a marzo 2015 la mia tabella si estenderà in orizzontale.

Sicuramente ha un alto livello di comunicatività (almeno se paragonata alla VTable relativa che vedremo subito dopo): è immediato ricavare per esempio il totale fatturato nei vari mesi, ma qualsiasi tipo di operazione ulteriore potrebbe essere fonte di problemi (provate ad esempio a generare automaticamente un report per il fatturato di Rossi e Bianchi nel febr-15, oppure l’ammontare di tutte le fatture di valore minore di 3.000€).

 

Le peculiarità delle tabelle in formato VTable

Come si è accennato prima, a seguito di vari aggiornamenti dei dati le VTable si estendono verticalmente, non orizzontalmente. Questo potrebbe dar luogo a una certa ridondanza d’informazioni, ma se ne guadagnerà in efficienza.  Vediamo quindi come strutturare in forma di VTable gli stessi dati della tabella precedente:

vtable

Solitamente la prima riga prende il nome di “intestazione” e contiene un’“etichetta” testuale descrittiva dei dati contenuti nelle relative colonne, ovvero dei “campi” del database.

La prima colonna solitamente è denominata “master” ovvero la colonna più importante per definire il contenuto informativo della tabella. Se la tabella deve descrivere il fatturato di un certo numero di venditori, è opportuno decidere quale campo porre in prima colonna, in questo caso si è scelto essere la data ma potevamo anche scegliere la colonna dei venditori.

Tale scelta non è fondamentale, ma bisogna tenere presente che potrebbe influenzare l’efficienza delle eventuali elaborazioni successive.

 

Excel tabellare e matriciale: cosniderazioni finali su HTable e Vtable

Qui di seguito si riepilogano le principali peculiarità delle HTable e VTable in excel:

  1. le HTable sono in genere più comunicative, ma non sono efficienti e versatili al pari delle VTable;
  1. le VTable sono meno comunicative, hanno una certa ridondanza d’informazioni ma sono più indicate per le elaborazioni successive in Excel;
  1. poiché in genere le HTable sono più comunicative, possono essere utilizzate per report o presentazioni, le VTable mal si prestano a questo scopo;
  1. un database Excel è sempre in formato VTable.

 

Excel tabellare e matriciale: 2 ebook con video tutorial  e modelli excel

 

Se deisderi approfondire le tematiche dei calcoli tabellari e matriciali in excel applicati a casi di business e analytics,  segui passo passo i suggerimenti di Massimo Zucchini e dai forma ai tuoi database con cruscotti aziendali e tabelle di sintesi decisamente perfomanti.

I titoli dei due info prodotti sono i seguenti:

Excel: il Calcolo Tabellare Vol. 1 – nozioni fondamentali 

Excel: il calcolo tabellare Vol. 2 – matrici e formule matriciali”

 

Chi è Massimo Zucchini

Massimo Zucchini ha iniziato come ingegnere progettista nel campo della microelettronica per una Corporate Internazionale nel settore Telco. Successivamente ha lavorato nel campo della consulenza per varie società come Program e Project Manager, PMO (Project Manager Officer), Quality Director (ISO9000), PPM/ERP Imlementation Specialist e Data Analyst. Ha al suo attivo la gestione di parecchie decine di progetti nel campo della Microelettronica, IT&Government,Energy e attualmente ha deciso di dedicare parte del suo tempo all’insegnamento e alla divulgazione, gestendo, tra l’altro, il sito www.excelsynthesis.com ( sito dedicato all’apprendimento di Excel con il metodo dell’80-20).