I contabili lavorano nel settore privato e pubblico. Il loro ruolo è quello di esaminare, analizzare e verificare la situazione sia di persone giuridiche, che di persone fisiche. In pratica, questo ruolo richiede di avere competenze specifiche nel settore delle leggi nazionali e internazionali da un punto di vista fiscale. Il lavoro del contabile è quello di massimizzare i profitti dei propri clienti, cercando di tenere le spese sotto chiave.

I vantaggi di questo lavoro

Questo lavoro nell’ultimo periodo sta riscuotendo tantissimo successo. Grazie anche al supporto delle tecnologie digitali che potrebbero essere tra l’altro utili, per svolgere questo lavoro anche per chi ha delle disabilità. Le aziende possono decidere di assumere un contabile disabile, avendo una serie di incentivi statali e soprattutto, potendo contare sulla disponibilità di una persona che ha comunque la possibilità di svolgere la sua mansione nonostante alcune disabilità che può presentare.

Per andare incontro alle esigenze del disabile, però è necessario fare in modo possano essere rispettati tutti i suoi diritti. Infatti, una persona diversamente abile, deve riuscire ad essere inquadrato nel modo corretto e soprattutto, sfruttando tutte le sue potenzialità nel miglior modo possibile. È importante che le aziende che hanno bisogno di questa figura, si rendano conto che hanno degli obblighi da rispettare per la quota dei diversamente abili da assumere. Un’azienda, infatti che ha tra i 15 ed i 35 dipendenti deve assumere almeno un disabile e quindi dai 35 ai 65, almeno due diversamente abili. Per chi lavora nel mondo della contabilità, è bene che siano garantiti tutte le possibilità di movimento senza difficoltà, abbattendo le barriere architettoniche.

Come le società finanziarie in Italia si adattano alla professione contabile per le persone con disabilità?

Chi è disabile e svolge la professione del contabile, sa bene che talvolta può avere delle difficoltà, soprattutto se ha delle specifiche disabilità. Infatti, le società finanziarie in Italia, a volte non riescono a capire quali sono i diritti da rispettare per le persone diversamente abili. Generalmente vengono assunte attraverso una ricerca nell’iscrizione alle liste delle categorie protette. Però, è necessario anche prevedere un specifico sistema di trasporto o comunque un sostegno per chi ha difficoltà deambulatorie e svolge tale professione all’interno dell’azienda. Sotto questo aspetto, può aiutare una realtà come Allied Mobility. Risolti i limiti relativi al deambulazione ed ai trasporti, i contabile disabili possono svolgere le proprie responsabilità principali senza altri intoppi.

Quali sono le maggiori sfide che devono affrontare i contabili disabili in Italia? Soluzioni?

Tra le sfide principali che i disabili contabili devono affrontare in Italia, vi sono quelle legate un po’ al mondo lavorativo di ogni persona con disabilità. Se è vero che nell’ultimo periodo stanno arrivando diversi fondi in tal senso, però tanto ancora c’è da fare. Alcune regioni, infatti continuano nell’ottica dei tagli e questa non è sicuramente una soluzione. La cosa importante per i disabili contabili è di riuscire a far rispettare il proprio diritto al lavoro ed in più anche la gestione degli spazi. I diversamente abili possono rivolgersi a degli enti specifici sindacali che tutelano tutti i loro diritti in caso di problemi. In questo modo, riusciranno a svolgere in piena autonomia la loro funzione senza doversi preoccupare che i loro diritti vengono calpestati.

In Italia, infatti molto spesso ci si trova di fronte a un problema di questo genere perché non sempre le aziende rispettano questo i loro obblighi.