Come scrivere un post per il tuo blog aziendale o per pubblicarlo su un sito di terzi in target in tuoi utenti? Se sei alla ricerca di qualche suggerimento leggi questo post e troverai una serie di consigli e un approccio pratico.

 

Scrivere un post per il web può sembrare una cosa banale tuttavia non lo è affatto.
Quando si vuole intraprendere un percorso durevole di content marketing significa adottare un modus operandi focalizzato sulla costanza e la pubblicazione di innumerevoli contenuti. Puntare sulla quantità non vuol dire rinunciare alla qualità; piuttosto significa seguire un procedimento standard per creare i tuoi articoli e rendere la produzione dei testi più rapida e riconoscibile, senza tuttavia rinunciare alla qualità dei tuoi contenuti.

Implementare una strategia di content marketing richiede tre elementi:  un orizzonte temporale di almeno sei mesi, un piano editoriale che interessa la nostra audience,  la creazione di uno o più modelli standard che devono aiutare a creare velocemente contenuti ben strutturati e di valore. 

Gli articoli si creano prima nella testa e poi vanno inseriti in una sorta di struttura standard che combina parti di testo, immagini, video. Il content marketing è una strategia multicanale, che se ben studiata può attrarre il tuo target utenti, che realmente è interessato a quello che stai pubblicando.

Come scrivere un post: iniziare a tracciare a grandi linee il contenuto

Scrivere un post significa seguire uno schema logico passo step, che possiamo identificare nei seguenti punti:

sviluppate, mentalmente, a grande linee il tema che andremo a trattare nell’articolo; individuate obiettivi e parole chiave. Spesso gli articoli vengono già realizzati durante uno spostamento in macchina o alla sera prima di dormire o ancora durante un allenamento oppure una passeggiata. Sembra un qualcosa di buffo, ma in realtà se provate questo metodo, apprezzerete fin da subito la sua efficacia. Quando poi inizierete a scrivere per davvero l’articolo, vi troverete in una posizione di vantaggio e ridurrete i propri sforzi di creatività. Il contenuto, infatti, sarà già delineato nella vostra testa. ora dovrete semplicemente modellarlo e dare le giuste sfumature.

– un altro approccio può essere quello di usare un registratore per parlare e registrare i concetti essenziali del vostro prossimo articolo o ancora prendere appunti su uno smartphone, un tablet o un pc.

Le suddette azioni aiuteranno a guadagnare tempo prezioso.

 

Come scrivere un post: la parte introduttiva

La prima parte dell’articolo detta parte introduttiva è fondamentale. In poche righe occorre attrarre l’utente, facendo percepire che cosa troverà nell’articolo se continuerà a leggerlo. Molti utenti potrebbero abbandonare già la lettura da queste prime righe. pertanto non sottovalutare la parte introduttiva e cerca di dare molta enfasi, evidenziando con chiarezza parole chiave e obiettivi.

 

Ricorda: Le prime frasi di un articolo sono quelle che attirano di più l’attenzione. Nell’introduzione devi attrarre l’attenzione della tua audience evidenziando fin da subito qualcosa che vale la pena di leggere

 

Dividere l’articolo in paragrafi e inserire elementi grafici

Procedete la stesura, suddividendo l’articolo in paragrafi in modo da rendere più agevole la lettura.

Inserisci schemi, grafici o tabelle per sintetizzare certi concetti o risultati! Visualizzare certe informazioni graficamente è decisamente più attrattivo e cattura l’attenzione del lettore.

Dedicate un paragrafo per riportare le vostre osservazioni conclusive.

La lunghezza del post e la fase di revisione

Sicuramente, vi starete domandando: ma l’articolo quanto deve essere lungo?

Su questo punto non è semplice rispondere. La risposta giusta sta nel mezzo. Un articolo lungo può forse attrarre di più; non bisogna però dimenticare che il lettore vuole arrivare al succo del tema, che state snocciolando. Troppi giri di parole potrebbero stancare e far rinunciare alla lettura dell’articolo.  nel caso in cui proponete post molto lunghi strutturati sotto forma di guida, il suggerimento è quello di creare una sorta di indice interattivo con titoletti chiari; in questo modo darete la possibilità di scegliere la parte dell’articolo che più interessa.

Ricordate inoltre di controllare il vostro post rileggendolo più volte prima di pubblicarlo. Questa fase, che può sembrare noiosa e superflua, è tuttavia fondamentale  per evitare errori grammaticali, o per permettervi di riformulare frasi troppo articolate.

Altri suggerimenti pratici

–  Inserite sempre alcuni link che possano apportare valore aggiunto al lettore, per ottenere maggiori dettagli o approfondimenti riguardo un dato argomento

–  Utilizzate il post come cappello introduttivo per innescare un’azione successiva, come quella di scaricare un report, un modello Excel, l’iscrizione a una newsletter o una possibilità di acquisto.

–  Come potete capire, l’articolo deve contenere una call to action.

– Puntate a scrivere costantemente su un certo argomento o una serie di tematiche tra loro correlate. Un articolo non serve a molto. Questo approccio, vi permetterà di posizionarvi sul web e di puntare sulla valorizzazione del vostra web identity, sia che stiate rappresentando voi stessi come professionista o la redazione di un brand. In questo modo potrete permettere al vostro target utenti di ampliare il raggio di lettura.

– Condividete i vostri contenuti utilizzando più canali. Questo non vuol dire semplicemente copiare e incollare il contenuto. Significa sfruttare la tecnica del “repurposing” ovvero riproporre certi concetti sotto forma diversa: post, micro contenuti, infografica, video, presentazione, post per social network.

scrivere un post

– Sfruttate anche la possibilità di pubblicare i vostri articoli su altri siti in target con i vostri argomenti. Avrete possibilità di accrescere la vostra audience. In questo caso scegliete articoli non sponsorrizzati ma piuttosto tematici innescando una call to action efficace.

 

Risorse per approfondire

Content marketing nel 2020: come creare una strategia efficace – guida a cura di Raffaele Gaito

Strategia content marketing: creare valore e ricercare spazi web di qualità, dove pubblicarli