Il consulente aziendale è una figura molto ricercata principalmente negli ultimi periodi, dalle varie aziende che operano sul mercato nazionale o internazionale.

Chi vuole approcciarsi a questa professione, sicuramente deve avere delle caratteristiche specifiche come: capacità di problem solving, mente strategica, gestione delle attività, precisione e organizzazione.

Oltre ad avere delle caratteristiche personali che possono aiutarti a diventare un consulente aziendale, sicuramente è necessario seguire un percorso formativo specifico. Oggi esistono diversi corsi di laurea e specializzazioni che possono aiutarti nel diventare un consulente per le aziende. Per maggiori informazioni sul percorso formativo da seguire per diventare consulente aziendale, è possibile leggere le informazioni presenti sul portale di Unicusano.

Cos’è però un consulente per le aziende? E perché le aziende cercano questa figura?

Chi è il consulente aziendale? E come opera?

Il consulente aziendale, anche se sembra una figura riscoperta di recente, in realtà questa nasce già all’inizio del ‘900 e molte aziende all’estero se ne sono avvalsi da sempre. Sicuramente, la rinascita di questo lavoro si è vista negli anni ’80 negli Stati Uniti, quando nacquero le multinazionali che avevano bisogno di avvalersi di un professionista per la consulenza e la gestione delle attività.

I consulenti aziendali, oggi sono tornati alla ribalta, sia all’estero sia in Italia. Questi operano principalmente per:

  • le imprese di medie dimensioni che hanno bisogno di una persona che sia in grado di pianificare, gestire e controllare le strategie aziendali e la programmazione delle attività nel medio e lungo periodo.
  • le aziende che necessitano di una consulenza per competere sul mercato nazionale e internazionale, che cercano qualcuno che gestisca al meglio i budget aziendali e anche il rapporto con la clientela finale.

Dunque i consulenti per le aziende devono avere molte conoscenze che vanno da quelle economiche legate principalmente al business, ma anche alla capacità di risolvere i problemi di un’azienda. Anche il marketing, riveste una forte importanza, non solo, chi vuole svolgere questa professione dev’essere in grado di condurre analisi di mercato, di comprendere la concorrenza, di riuscire ad attuare strategie in grado di portare l’azienda a guadagnare di più.

Perché il consulente aziendale è importante per le aziende?

Il consulente aziendale, deve operare in modo tale da dare un valore aggiunto all’azienda. Tutti coloro che hanno un’impresa necessitano di questa figura per svolgere analisi importante e prendere in merito a queste, decisioni per il futuro dell’azienda.

Il consulente, dunque è importante perché può elaborare dei progetti economici e finanziari, durante il lavoro dell’impresa, e non con effetto retroattivo. Infatti, il commercialista, di solito mostra al cliente, alla fine dell’anno, un’analisi delle entrate e delle uscite, queste però si riferiscono al passato. Invece, il consulente aziendale svolge le varie analisi nel presente, quindi permette all’azienda di prendere decisioni future su dati presenti.

Il consulente è importante perché permette all’azienda di avere una strategia ben precisa, che possa migliorare le sue prestazioni produttive. Il consulente infine, consiglia gli imprenditori su quali siano o meno gli investimenti che si possono attuare.

Dunque, il consulente per le aziende, è un vero e proprio consigliere che può aumentare il valore dell’azienda.