Quando parliamo di analisi dei dati, le tabelle pivot sono sicuramente un prezioso strumento per facilitare l’aggregazione delle informazioni e la creazione di tabelle di sintesi. Spesso le pivot table possono richiedere delle informazioni supplementari che non sono a prima vista presenti, ma che tuttavia possono essere ottenute attraverso delle formule. Scopo di questo articolo è quello di prendere n esame la funzionalità degli elementi calcolati delle tabelle pivot.

 

Tabelle pivot per aggregare dati. Vediamo di seguito come applicare gli elementi calcolati.

Che cos’è un elemento calcolato

Gli elementi calcolati delle pivot tables sono da considerare una formula, che viene costruita nell’ambito dell’area delle righe o delle colonne della tabella.

Questa funzione non va confusa con quella dei  campi calcolati, che invece si muovono in una logica focalizzata sull’area dei valori della tabella pivot che viene inserita nell’area righe e colonne della tabella, al contrario del campo calcolato che viene invece organizzato nell’area dei valori.

Gli elementi calcolati possono pertanto risultare molto utili in alcune attività di aggregazione di alcuni dati: ad esempio vogliamo aggregare informazioni di una stessa categoria, che riconducono a un dato macro per territorio, segmento di mercato, tipologia di cliente, cluster di età, ecc.

 

Ricorda: gli elementi calcolati non possono essere utilizzati se nella tabella pivot sono presenti dei raggruppamenti di dati. In questo caso prima di procedere alle operazioni prese in esame in questo articolo occorre separare i raggruppamenti.

 

 

Esempio pratico di utilizzo degli elementi calcolati

Supponiamo di avere di aver creato una tabella pivot di riepilogo dell’andamento dei ricavi per ufficio territoriale, come quella che trovate qui di seguito:

Supponiamo ora di voler procedere ad un’analisi di approfondimento per area geografica. In altre parole vogliamo ragionare su Nord, Centro Sud, andando ad aggregare gli uffici; pertanto dovremo procedere a sommare Milano con Torino per il Nord, Bari e Napoli per il sud. Firenze  è il solo ufficio, che rientra nell’area Centro.

 

Banalmente noi potremmo fare rapidamente il calcolo sommando i dati sotto la tabella pivot:

elementi calcolati

 

Questo approccio è sicuramente pratico e immediato, tuttavia non è molto conveniente quando la nostra banca dati viene costantemente alimentata mensilmente da nuove informazioni. In questo caso è sempre meglio creare un certo automatismo all’interno della tabella pivot stessa attraverso l’utilizzo degli elementi calcolati.

Posizioniamoci su sulla tabella pivot su una riga degli uffici, facciamo clicca nel menu in altro sulla sezione analizza, entriamo nella sezione “campi, elementi e set” e scegliamo la voce elemento calcolato:

 

Vi apparirà la seguente finestra di dialogo dove dovremo andare a creare le nostre operazioni di aggregazione:

 

4 passaggi e i tuoi elementi calcolati sono pronti

I passaggi da seguire sono  molto intuitivi:

– Diamo il nome alla formula: esempio Nord

– Selezioniamo Milano e clicchiamo su inserisci elemento

– digitiamo +

– Selezioniamo Torino e clicchiamo su inserisci elemento.

 

Ripetiamo i suddetti step anche per la formula Centro e Sud:

A questo punto “sfiltriamo” le varie città e la tabella pivot si presenta con il nuovo dato di sintesi:

 

 

Risorse per approfondire

Vuoi approfondire l’argomento tabelle pivot e apprendere un modus pratico di utilizzo? Partecipa al corso online di Massimo Zucchini focalizzato sull’analisi dei dati attraverso l’utilizzo delle tabelle pivot.