La tastiera virtuale è un’opzione che può essere attivata sul personal computer a prescindere dalla versione di Windows che si sta utilizzando. Per usufruirne, occorre richiamare la funzione Esegui, per giungere alla quale occorre schiacciare nello stesso momento i tasti Win e R. A questo punto sul desktop viene visualizzata una finestra all’interno della quale si deve digitare il comando osk: basta fare clic su Invio per fare in modo che la tastiera su schermo possa essere attivata.

Come si usa la tastiera virtuale

Dopo che la tastiera virtuale computer è stata attivata, si può iniziare a usarla come meglio si crede, per esempio servendosi del puntatore del mouse o, in alternativa, facendo riferimento al touch screen (che però non è disponibile su tutti i computer). Volendo, si può simulare la pressione di diversi tasti nello stesso momento, come quando si vuole premere su Ctrl, Alt e Shift: quando restano attivi, i tasti si colorano, mentre cliccando su di loro un’altra volta la pressione viene disattivata. In base alle esigenze dell’utente, la tastiera virtuale può essere spostata dove si vuole sul desktop: per farlo basta cliccare sulla barra del titolo e poi tenere premuto, così che la keyboard possa venire trascinata.

Come regolare le impostazioni

L’utente ha la possibilità di intervenire anche sulle impostazioni della tastiera virtuale: per modificarle, non bisogna fare altro che cliccare, in basso a destra, sul tasto Opzioni, per poi gestire le voci che compaiono nella finestra che viene visualizzata. Si può, per esempio, decidere di riprodurre un effetto sonoro ogni volta che si pigia un pulsante: a questo scopo occorre mettere in segno di spunta in corrispondenza della voce Utilizza suono clic. In alternativa, facendo riferimento alla voce Usa completamento del testo, si ha la possibilità di abilitare i suggerimenti che permettono di completare le parole in modo automatico. E non è tutto: tra le altre opzioni a disposizione c’è anche quella che consente di visualizzare il tastierino numerico, fermo restando che se non si è interessati ad averlo sott’occhio lo si può nascondere in qualsiasi momento. Una volta che le impostazioni sono state modificate, non bisogna dimenticare di dare l’ok attraverso il tasto relativo ubicato nella parte inferiore.

Le versioni di Windows più recenti

Per chi usa una versione di Windows tra le più recenti, è prevista la possibilità di aggiungere sulla barra delle applicazioni un collegamento alla keyboard virtuale. Nel caso di Windows 10, basta andare sul desktop e fare clic sulla taskbar con il tasto destro del mouse, per poi scegliere Mostra pulsante tastiera virtuale all’interno del menù che viene visualizzato. Nel caso di Windows 8, invece, dopo aver cliccato con il tasto destro sulla taskbar, si deve selezionare Barre degli strumenti e quindi Tastiera virtuale.

Ancorare la tastiera virtuale

Le ultime versioni di Windows consentono anche agli utenti di decidere se ancorare la tastiera virtuale alla parte bassa dello schermo quando la stessa viene richiamata attraverso il tasto aggiunto alla taskbar. Se si è interessati a usufruire di tale opzione, occorre trovare nella parte della finestra della keyboard in alto a destra il pulsante apposito. Sempre sulla destra si trova il pulsante che consente di stabilire quale tipo di tastiera si deve utilizzare, mentre può essere divertente sfruttare anche la tastiera emoji attraverso il tasto relativo collocato a sinistra.